Single Blog Title

This is a single blog caption

Meteo: da San Valentino Forte Perturbazione con Freddo, Pioggia e Neve. Dettagli e Tendenza Prossima Settimana – iLMeteo.it

Meteo: da San Valentino Forte Perturbazione con Freddo, Pioggia e Neve. Dettagli e Tendenza Prossima Settimana

A San Valentino l'inverno tornerà a ruggireA San Valentino l’inverno tornerà a ruggireLa svolta meteo arriverà, è confermato. La prima seria perturbazione dell’anno è pronta a colpire buona parte dell’Italia e lo farà all’inizio della prossima settimana, la cui tendenza è ormai piuttosto delineata: lunedì 14 febbraio (giornata di San Valentino) una forte perturbazione, sospinta da venti meridionali e alimentata da correnti di aria molto fredda riporterà tanta pioggia e anche la neve, che potrebbe sfiorare addirittura le zone di pianura. E stavolta a fare il pieno saranno le nostre regioni meridionali, quelle che maggiormente hanno patito una conclamata mancanza di precipitazioni in questo inverno finora parecchio anomalo: questa è la novità più succosa.

Come confermato dall’ultimo aggiornamento appena arrivato, da lunedì 14 una poderosa irruzione di aria artico-marittima si riverserà sull’Europa, con effetti importanti anche per l’Italia: oltre al calo delle temperature, avremo dunque il ritorno delle piogge dopo una lunghissima fase siccitosa che sta tuttora attanagliando le nostre regioni settentrionali.
Questo flusso di aria freddissima irromperà nel bacino del Mediterraneo direttamente dalla Porta del Rodano (Francia sud-orientale), favorendo così la genesi di un ciclone in rapido movimento verso il mar Ligure e il Tirreno, una vera e propria burrasca invernale in grado di scatenare piogge e nevicate fino a bassissima quota.

A causa del freddo (temperature in abbassamento) e dell’intensità delle precipitazioni la neve potrebbe tornare a farsi vedere fin sulle aree pianeggianti di Piemonte, Lombardia (fiocchi non da escludere pure a Torino, Milano, Pavia e Bergamo) ed Emilia occidentale.
L’arco alpino farà il pieno di neve con accumuli importanti dopo un periodo secco durato tante settimane: si tratta sicuramente di un’ottima notizia, non solo per gli amanti degli sport invernali, ma anche (e soprattutto) e per la natura in generale. Si pensi per esempio ai nostri ghiacciai e a tutte le altre risorse idriche messe a dura prova durante questa stagione invernale.
Massima attenzione andrà poi perstata al Nordest e alle regioni tirreniche dove, a causa dei forti contrasti che si verranno a creare tra masse d’aria diverse, non escludiamo la possibilità di forti rovesci temporaleschi accompagnati da violente raffiche fredde dai quadranti settentrionali.

Nella giornata di martedì 15 il maltempo continuerà a insistere proprio al Nordest e al Centro-Sud (specie sul versante tirrenico) con fenomeni che potrebbero risultare ancora abbondanti e anche a carattere di rovescio. Sono previste nuove nevicate sulle Alpi orientali oltre i 700 metri di quota e sull’Appenino a partire dagli 800/1000 metri.

Gli effetti di questa fase perturbata potrebbero proseguire almeno fino a mercoledì 16 febbraio, prima di una nuova rimonta dell’alta pressione, che dovrebbe poi accompagnarci per il resto della settimana.

Forte perturbazione: rischio nevicate in pianura al Nord Ovest, temporali su settori tirreniciForte perturbazione: rischio nevicate in pianura al Nord Ovest, temporali su settori tirrenici

Leave a Reply